Home » Post Produzione » Video aziendale emozionale

Come fare video emozionali per aziende

Ci sono molti modi attraverso cui può essere veicolato un messaggio, uno di questi sono sicuramente i video aziendali emozionali.

Puoi puntare sul divertimento, sulla commozione, sulla curiosità, sulla nostalgia o sulla motivazione.

In qualunque caso ci sarà sempre un denominatore comune: l’emozione.

L’emozione nei video è quella caratteristica in più che ti permette di entrare in contatto diretto con il tuo pubblico facendo proprio leva sul lato umano. 

Come sicuramente sai a ogni emozione corrisponde una reazione, dunque un video emozionale può diventare lo strumento ideale per video aziendali di successo.

Ovviamente lo stesso messaggio può essere veicolato in molti modi diversi in base alla filosofia del tuo brand e al tuo target di riferimento.

Le pubblicità del WWF, ad esempio, fanno da sempre leva sul sentimento di paura derivante dalle conseguenze dell’inquinamento ambientale. 

L’obiettivo in questo caso è quello di sensibilizzare il pubblico a una maggiore coscienza per quel che riguarda il rapporto uomo-natura.

Ci sono però molte modalità attraverso cui un video emozionale può essere utilizzato.

In questo articolo ti guideremo attraverso la scoperta di questa tipologia di video, spiegandoti come si realizza e perché risulta oggi più che mai un investimento più che valido. 

Servizio di realizzazione video aziendali

I video aziendali sono uno dei contenuti con il più alto tasso di visualizzazioni, interazioni e conversioni. Affidati a Post Tube per la realizzazione del tuo prossimo video aziendali!

Cos’è un video aziendale emozionale?

Il video emozionale è uno strumento che nasce a supporto di quello che Bernd H. Schmitt, docente della Columbia University, ha definito per la prima volta “marketing emozionale”.

Queste le sue parole:

“Un’esperienza memorabile che il cliente deve sperimentare, tale da superare le sue aspettative.”

L’obiettivo di questo mezzo di comunicazione è entrare in contatto con il tuo target di riferimento creando un legame che si basi sulla condivisione di valori e ideali. In poche parole, sullo scambio di emozioni.

Quando 2016 la maison Kenzo decise di lanciare la sua nuova fragranza, Kenzo World, optò per un video molto particolare. 

La clip mostra infatti la danza ipnotica e liberatoria di una ballerina, la quale diventava la perfetta metafora della moderna femminilità e, al tempo stesso, del superamento di vecchi stereotipi. 

Diventato in pochissimo tempo virale, il video non comunicava solo “acquista il nostro profumo”, ma qualcosa in più:

“Vuoi sentirti bella, libera e un po’ folle ogni giorno? Kenzo World è la fragranza che fa per te”.

Quando dovrei usare un video aziendale emozionale?

Sebbene l’utilizzo del video emozionale sia sempre legatissimo all’ambito della pubblicità, negli ultimi anni il suo impiego è aumentato anche a uso interno. 

Per esempio, utilizzare un video emozionale durante un corso di formazione può motivare e creare empatia tra i presenti e l’azienda in cui lavorano.

Il video potrebbe infatti concentrarsi sulle storie di altri dipendenti, mostrando quanto sia gratificante e stimolante lavorare per l’azienda in questione. 

Brunello Cucinelli da sempre realizza video corporate in cui l’emozione riveste un ruolo fondamentale. 

Questo video rilasciato dall’azienda ci fa conoscere da vicino i dipendenti e la sede aziendale tra le campagne umbre attraverso le parole del suo fondatore.

L’obiettivo dell’imprenditore del noto brand del lusso è quello di valorizzare il territorio e uno stile di vita a esso legato, per promuovere il Made in Italy.

Perché fare un video aziendale emozionale?

Un video aziendale emozionale è un investimento prezioso poiché ti dà la possibilità di convertire il tuo messaggio in una storia fatta di essere umani.

Attraverso una struttura narrativa e l’ingrediente umano, potrai dunque raggiungere il tuo pubblico facendo leva sulla loro capacità di immedesimazione. 

L’obiettivo è quello di qualunque altro video aziendale, il coinvolgimento, con la differenza che il video emozionale utilizza leve emozionali mentre viene raccontata la storia.

Come abbiamo già accennato, le storie possono essere diverse: puoi scegliere di puntare sull’effetto nostalgia come fa da anni la Coca-Cola con le sue pubblicità natalizie, oppure sulla leadership come Nike.

Cosa rende un buon video aziendale emozionale?

Avrai capito che per realizzare un buon video di questo tipo ti serve una storia da raccontare e una buona dose di emozioni.

Attenzione però, non è così facile come sembra.

Se vuoi che il tuo video funzioni è molto importante focalizzarsi sul tipo di emozione che vuoi trasmettere.

Riprendendo l’esempio delle pubblicità natalizie, realizzarne una che susciti tristezza risulterebbe fuori contesto, oltre a una cattiva ricaduta in termini di immagine.

Creare invece un video che sì, può far piangere, ma per la commozione, è perfettamente in linea con i sentimenti che suscita il Natale.

Uno degli esempi più belli degli ultimi anni resta lo spot “The Song” creato da Apple per il Natale 2014. Il video mostrava una nipote che realizzava un duetto con una vecchia traccia vocale della nonna usando un iPad.

La canzone del titolo diventava quindi l’espressione di tutto quello che è possibile fare con i prodotti Apple, ma anche una bellissima metafora del legame familiare.

Consigli su come realizzare un video aziendale emozionale 

Dare vita a un video aziendale emozionale che funzioni è un processo lungo in cui devono incontrarsi creatività e capacità tecniche, motivo per cui sarebbe sempre opportuno rivolgersi a un team di esperti per questo tipo di investimento.

Quello che ti consigliamo noi è di concentrarti su alcuni aspetti legati alla filosofia del tuo brand, al tuo target e al prodotto di cui vuoi parlare.

In questo modo ti sarà sicuramente più chiaro definire il messaggio per il tipo di storia che vuoi raccontare.

Definisci il tuo messaggio

Prima di iniziare a pensare alla storia del tuo video è necessario focalizzarsi sul messaggio.

Che cosa vuoi raccontare?

Cerca di focalizzarti su una narrazione semplice, che vada dritta al punto. 

Ecco due suggerimenti importanti:

  • Pensa a cosa significa il tuo brand per i consumatori: li spinge a guadagnare denaro oppure a risparmiare denaro?
  • Capisci che cosa spinge un potenziale cliente ad acquistare i tuoi prodotti: valorizzi il rispetto per l’ambiente oppure sostieni un certo tipo di identificazione culturale?

Mulino Bianco ha recentemente realizzato una nuova serie di spot che hanno l’obiettivo di riproporre i classici prodotti del marchio in versione “più salutare”.

Consapevole di quanto sia cambiato il target della famiglia negli ultimi 30 anni, l’azienda sceglie come protagonisti giovani sognatori, in cui ragazzi di 20 o 30 anni possono facilmente immedesimarsi, che riescono catturare “la felicità nelle piccole cose di ogni giorno” mentre mangiano i prodotti Mulino Bianco. 

Combina il tuo messaggio con una tematica sociale

Hai scelto il tuo messaggio, e ora?

Adesso dovresti cercare di rendere quello che vuoi dire più personale e originale possibile. 

Per questo ti consigliamo di fare le tue ricerche per cercare di capire quali siano i temi più di interesse del momento, così da poterli usare per costruire la tua storia.

Ricorda infatti che il tuo video deve raccontare qualcosa in cui gli altri possano identificarsi facilmente, parlare di una tematica importante può essere molto utile per farti conoscere e consolidare il tuo brand a livello sociale. 

Ecco qualche suggerimento:

  • Pensa fuori dagli schemi e se ti viene un’idea controlla che non sia venuta a qualcun altro prima di te;
  • Una volta compreso il tuo messaggio prova a pensare a immagini e/o suoni che questo ti suscita;
  • Cerca di proporre una soluzione con il tuo prodotto e/o servizio.

Un esempio? Se sei un’azienda che produce assorbenti femminili potresti concentrarti su tematiche riguardanti il superamento degli stereotipi e la necessità che tutte le donne vivano la loro femminilità in armonia, non come un vincolo.

Lines ha scelto di seguire questa linea con il suo spot “Ogni giorno la donna che sei”.

Converti il tuo messaggio in una storia di vita

Dopo aver individuato il giusto focus per quel che riguarda il messaggio, è giunto il momento di pensare una storia.

Costruire una storia non è facile. La narrazione deve essere infatti coerente con il messaggio e con il tuo target.

Deve inoltre presentare un lato umano ben definito, così che il pubblico vi si possa realmente identificare.

L’elemento umano può essere un singolo protagonista, due o tre.

Oppure un gruppo di persone come negli spot della catena di supermercati Conad che ormai da anni ha scelto di puntare sul “fattore umano” come garanzia di qualità.

In questo modo andare a fare la spesa in quel supermercato diventa l’equivalente di quello che poteva essere recarsi a una piccola bottega per i nostri nonni.

Definisci la struttura narrativa

Un aspetto molto importante del costruire la “storia di vita” del tuo video aziendale emozionale riguarda proprio la struttura narrativa.

Ci sono molti modi in cui si può impostarla, qualunque si sceglierà è importante restare coerente al tuo messaggio ed evitare virtuosismi registici che potrebbero far perdere il filo a chi guarda il video.

A tal proposito è molto interessante prendere come esempio lo spot realizzato da Spotify per promuovere Premium Duo. 

Caratterizzato da uno storytelling realistico e coinvolgente, il video mostra delle scenette di vita quotidiana in cui i protagonisti, dei pupazzi, bisticciano sui loro gusti differenti in fatto di musica.

L’obiettivo è chiaramente pubblicizzare Premium Duo, la possibilità di avere due account Premium separati oltre a un Duo Mix, una playlist condivisa, esaltando l’unicità dei legami che abbiamo con le persone più importanti e del ruolo che ricopre la musica fine essi.

Sii sincero e trasparente con il pubblico

Affinché il pubblico possa provare empatia nei confronti della tua storia è anche necessario trasmettere fiducia. 

L’obiettivo dei video emozionali deve essere infatti duplice: coinvolgere e allo stesso tempo creare una certa immagine del tuo brand.

Questa immagine deve essere coerente coi valori della tua azienda e con quelli del tuo target di riferimento. Conoscere la realtà dietro al marchio è molto importante per i consumatori poiché dà loro la possibilità di acquistare con consapevolezza e non a scatola chiusa.

Se sei un’azienda che produce detersivi potresti costruire uno spot in cui appari sensibile al tema della sostenibilità ambientale, magari proponendo prodotti che uniscono performance a un alto tasso di biodegradabilità. 

Promozione del video

Dopo aver completato il tuo video lo step finale è promuoverlo, al fine di ottenere una copertura maggiore.

Ovviamente è consigliabile scegliere una tipologia di promozione che sia in linea con il messaggio del video stesso: che si tratti di un video corporate o di uno spot pubblicitario.

In questo senso le piattaforme social, come Instagram e Facebook ma anche YouTube, rappresentano degli strumenti molto importanti poiché danno la possibilità di fare investimenti mirati.

Così facendo il tuo video sarà un medium ottimizzato al meglio, grazie a cui potrai raggiungere più facilmente il tuo target di riferimento sfruttando l’algoritmo. 

Montaggio video aziendale

Il modo in cui i video emozionali per aziende sono realizzati continuano a evolversi insieme a noi. 

Tuttavia, a oggi, questo mezzo rappresenta uno dei prediletti dalle aziende più importanti del mondo per la sua capacità di trainare il target di riferimento grazie all’empatia e all’immedesimazione con il brand.

Scegliere di realizzare un video emozionale rappresenta dunque un investimento che può portarti grandi soddisfazioni sul lungo tempo, soprattutto se abbinato a una solida campagna marketing.

Servizio di realizzazione video aziendali

I video aziendali sono uno dei contenuti con il più alto tasso di visualizzazioni, interazioni e conversioni. Affidati a Post Tube per la realizzazione del tuo prossimo video aziendali!